(argomento portato alla presentazione del libro Melody e il mondo di Armonia)

Alla festa della sua investitura, la principessa Consonanza, nel pieno della sua terribile esibizione canora viene umiliata con una pioggia di rospi dal popolo di Armonia, il  mondo della musica. Gli abitanti di Armonia preferiscono alla sua terribile voce quella della sorellastra Melody che ha, invece, una voce celestiale.

Dopo essere fuggita disperata e aver fatto perdere le sue tracce per lungo tempo, Consonanza si ripresenta ad Armonia accompagnata da un esercito di guardie armate dall’aspetto sinistro: le Guardie Afone e da un ancor più inquietante personaggio: il mago drago Kakofon.

Dissonanza ha assunto le sembianze di una strega e dichiara di chiamarsi Disgusta. Preso il potere con la forza Disgusta lancerà un anatema sul mondo di Armonia proibendo a tutti di fare musica e farà imprigionare Melody nella Torre Stonata dove nessuno potrà più sentire la sua dolce voce.

Riusciranno il giovane Musico, il saggio Poifonio, Ritmo e i Gemelli Swing a scoprire la melodia magica necessaria per liberare Melody e il mondo di Armonia dallo strapotere della strega, del mago drago e del loro numeroso esercito?

Dunque tornando alla domanda iniziale: cos’è la musica?Polifonio-tagliato

Forse la musica è la più grande invenzione di cui l’uomo si è reso protagonista. Ha un ruolo socializzante. Abbatte le barriere culturali e quelle linguistiche.

Polifonio ci dice: la musica è la voce dei sentimenti!

Cioè interessa gli organi che ci tengono in contatto con il mondo che ci circonda e che sono guidati dai cinque sensi.

Se è vero che la musica la si fà con gli organi tattili, le dita, le labbra… è altrettanto vero che la si ascolta con le orecchie. Ma c’è di più: la musica evoca visioni. Si parla di colori musicali, di profondità del suono, di spessore, di altezza. Tutti aspetti legati alla vista.

Ma si parla anche di gusto musicale, anche se non la si mangia. Si dice musica dolce, musica amara. Forse l’unico senso non coinvolto dalla musica è l’olfatto, ma chissà, non giurerei che qualcuno riesca perfino a percepirne il profumo.

Annunci